Approfondimenti

📰 5 strategie vincenti dei nostri specialisti di maggior successo

I pazienti online sono cambiati e non si accontentano più del primo risultato di un motore di ricerca. Essere primi, quindi, non basta per raggiungere la vetta: ecco 5 azioni per ottenere ottime performance

5 strategie vincenti Mio Dottore

L'emergenza Covid-19 ha consentito ai pazienti online di trascorrere molto più tempo ad esplorare il web, familiarizzando con il concetto di reputazione e migliorando notevolmente le proprie competenze informatiche.

Ciò ha avuto un effetto quantitativo e qualitativo: oggi non solo ci sono più pazienti online di prima, ma sono anche più preparati e consapevoli sotto il profilo tecnologico. Il lento processo di digitalizzazione della medicina, che in circostanze normali avrebbe richiesto ancora un po' di tempo, ha subito un'incredibile accelerazione.  

Se dunque in passato i pazienti online meno tecnologici sceglievano di affidarsi alle cure degli specialisti sulla base del loro posizionamento sul nostro motore di ricerca, e quindi essere nella prima pagina era un requisito fondamentale per ottenere molte nuove prenotazioni, oggi chi cerca uno specialista online non cede alle prime impressioni.

I pazienti oggi preferiscono investire tempo nella raccolta di maggiori informazioni, nel confronto tra profili e nella ricerca di recensioni, per essere sicuri di effettuare una scelta quanto più consapevole possibile.

In altre parole, oggi i pazienti online vogliono minimizzare il rischio di vivere un'esperienza negativa.

La visibilità sta lentamente ma inesorabilmente cedendo il passo alla qualità: ecco perché i siti che si trovano in terza posizione nei risultati di ricerca di Google ottengono meno clic di quelli che sono in settima posizione. 

Se "esserci" non basta più, come si può ottenere successo e conquistare nuovi pazienti? Abbiamo analizzato i profili dei nostri specialisti dalle performance straordinarie e raccolto in questo articolo le 5 azioni più efficaci per essere scelti a prescindere dal proprio posizionamento. 

 

📅 1. Agende sempre aggiornate

Immagina di essere un paziente alla ricerca di un servizio medico specialistico. Trovi due studi medici ugualmente distanti dalla tua abitazione che offrono lo stesso servizio allo stesso prezzo. Lo studio A ha un'agenda online completamente libera da qualsiasi appuntamento per le prossime 4 settimane e disponibilità in qualsiasi giorno e fascia oraria; lo studio B ha diversi slot orari occupati e disponibilità limitate. Prenoteresti una visita con lo studio A o lo studio B? 

L'87 % dei pazienti dichiara di trovare più affidabile uno specialista la cui agenda ha alcuni slot occupati. La motivazione è semplice: online i pazienti tendono ad emularsi a vicenda. Se notano che altri utenti hanno prenotato una visita con te, sono indotti a credere che tu sia più affidabile di altri specialisti la cui agenda è completamente vuota. 

Strategia vincente #1: basta aggiungere alla tua agenda online tutti gli appuntamenti che hai prenotato offline per attirare nuove prenotazioni.

 

💬 2. Rispondere alle Domande Pubbliche

A tutti piace gratis: questa è una regola universale del marketing in cui anche tu, come consumatore, puoi riconoscerti. Se poi ciò che è gratis è anche in grado di soddisfare concretamente un nostro bisogno, ecco che la possibilità di un successivo acquisto aumenta vertiginosamente. 

Quest'idea è alla base del concetto di campione gratuito: si tratta di un assaggio concreto di un servizio che ci permette di valutarne  la qualità e l'efficacia, fornendoci elementi reali sui quali basare una successiva decisione di consumo.

Così le case automobilistiche consentono di effettuare test-drive, i ristoranti offrono sconti per assaggiare nuove pietanze, i produttori di cosmesi regalano piccole quantità dei nuovi prodotti: e nel marketing medicale? 

Di certo non puoi far "assaggiare" una visita al paziente: ma puoi aiutarlo a destreggiarsi nel mare delle nozioni mediche, dei complessi nomi di esami diagnostici, nella lettura dei referti. In altre parole, puoi rispondere alle sue domande gratuitamente, tramite la sezione Domande Pubbliche di MioDottore. 

I dottori che utilizzano regolarmente questa sezione ottengono fino al 30% di visite e prenotazioni in più, perché dimostrano ai pazienti online di essere disponibili e competenti, ispirando immediata fiducia

Strategia vincente #2: visita ogni settimana la sezione Domande Pubbliche e rispondi a quelle attinenti alla tua specializzazione.

 

👌 3. Profili esaustivi

I pazienti odiano perdere tempo. Internet li ha abituati a tempi d'attesa molto brevi (ci vogliono in media 0.49 secondi per ottenere i risultati di una ricerca su Google) e ad una enorme quantità di dati disponibili (digitando una qualsiasi parola su Google si possono ottenere da alcune decine a diverse centinaia di migliaia di risultati). Per questo in molti casi avrai solo una possibilità di conquistare un determinato paziente (one-shot) e dovrai sfruttarla al meglio. 

Ecco perché è fondamentale che il paziente possa, al primo clic, reperire tutte le informazioni utili su di te, sia quelle che riguardano più da vicino la tua professione (indirizzo ed orari del tuo studio, prestazioni offerte, costi dei servizi, disturbi che puoi trattare etc.), sia quelle che gli permettono di empatizzare con te (una buona foto profilo, una descrizione esaustiva, le risposte alle domande pubbliche e le recensioni). Abbiamo organizzato il tuo profilo MioDottore in modo da dare il giusto risalto a tutti questi elementi.

Strategia vincente #3: una volta completato il tuo Profilo, avrai un biglietto da visita efficace da presentare ad ogni nuovo paziente. 

 

⭐4. Non sottovalutare il potere delle recensioni

Questo è da sempre il tratto distintivo dei profili MioDottore di successo: esiste un legame diretto tra il numero di recensioni e il numero di visite online prenotate. A parità di servizi offerti, i profili con recensioni ottengono fino a 4 volte le prenotazioni dei profili che non ne hanno.

Come abbiamo già ribadito in precedenza, i pazienti online hanno un comportamento altamente emulativo e danno un grande valore alle esperienze vissute da altri, anche se questi sono perfetti estranei. 

Questo perché, a parità di informazioni tecniche, è solo la componente emozionale a poter giocare a nostro vantaggio.

Anche in questo caso, puoi verificarlo pensando al tuo vissuto. Devi acquistare un nuovo macchinario per il tuo studio, contatti 3 diversi fornitori che ti fanno lo stesso preventivo: come scegli? Probabilmente telefonerai a qualche collega ricevere un suggerimento. Il passaparola è sempre lo strumento di marketing più efficace.


Strategia vincente #4: richiedi sempre una recensione ai tuoi pazienti, sia ai nuovi che a quelli abituali; ringrazia sempre per ogni recensione ricevuta.  

 

🚀5. Restare in contatto inviando una Campagna

La tua missione è guarire il paziente: ma una volta che questo è avvenuto, sostanzialmente, tu perdi un cliente. Fisiologicamente, più bravo sei nella tua professione e più pazienti perdi nel medio-lungo periodo.

Come spezzare questo circolo vizioso?

Non è detto che un paziente debba necessariamente essere malato per restare nella tua pazientela. In questo caso devi focalizzarti nulla capacità promozionale intrinseca di ognuno di essi: ogni paziente che hai guarito è un promotore (a costo 0) della tua attività, che tramite passaparola può avvicinare a te nuovi pazienti.  

L'importante allora, è non essere dimenticati: basta una email o un SMS inviato non troppo di frequente per far tornare alla mente dei tuoi ex pazienti l'esperienza positiva che hanno vissuto con te. 

Cosa puoi scrivere nel tuo messaggio?

Puoi aggiornarli su questioni logistiche (es. orari di ricevimento) o comunicare la possibilità di effettuare nuovi esami. Poche righe, utili e concise. Ti sei mai arrabbiato con chi ti ha inviato una email per farti gli auguri di Natale? Sicuramente no, anzi, avrai apprezzato il pensiero. Se invierai un messaggio di auguri, il tuo paziente farà altrettanto! 

Strategia vincente #5: invia periodicamente una Campagna ai pazienti che non vedi da qualche tempo.